immagine

Biofeedback elettromiografico

In riabilitazione il biofeedback elettromiografico viene utilizzato nella rieducazione: 

  • delle paralisi del facciale;
  • dei pazienti neurologici;
  • dei pazienti ortopedici;
  • del pavimento pelvico. 

 

Non vi sono al momento Controindicazioni all'utilizzo di tale apparecchiatura elettromedicale. 


Il Biofeedback Elettromiografico, misura in tempo reale l'attività di gruppi muscolari, e fornisce al paziente lo stato di tensione o rilassamento muscolare.

La contrazione muscolare è difficile da monitorare.

Attraverso elettrodi posti sulla cute del distretto, che il paziente deve trattare, vengono monitorati i segnali elettrici (contrazioni muscolari) che arrivano al muscolo.

La contrazione o il rilasamento muscolare, viene trasformato dall'apparecchiatura in forma acustica o visiva. 

Il biofeedback viene utilizzato in fisioterapia per migliorare il controllo dell'attività muscolare.

E' una metodica che viene sempre applicata ad un esercizio terapeutico poichè attraverso i segnali emessi dall'apparecchio di biofeeddback elettromiografico il paziente può aumentare, ridurre o comunque modulare l'attività muscolare in tempo reale.